Quando qualcosa non va’ per il verso giusto, quando sei costantemente perseguitata da eventi spiacevoli che ti mettono di cattivo umore, di solito dai colpa alla sfiga che non ti molla un attimo.

Come se tutta la tua vita potesse essere governata da questa entità misteriosa che decide il bello e il brutto di tutto quello che ti accade: pazzesco, no?

Certo dare la colpa a qualcosa di inafferrabile, che non puoi gestire né governare o controllare, è molto facile: non trovo lavoro, non ho il partner che vorrei, sono senza soldi, tutta colpa della sfiga che mi schiaccia senza tregua.
Ah, beh allora lasciamo perdere, se hai sfiga non c’è più nulla da dire o da fare, vince lei comunque.

Io credo invece che sia molto più facile e banale liquidare quello che ti accade a mera sfiga invece che guardare esattamente a come gestisci la tua vita e cercare piuttosto in cause ben più profonde quello che ti capita.

Perché dire che è colpa della sfiga, anziché dire che sei tu l’unica responsabile di quello che accade nella tua vita, ha un suono decisamente meno pesante. Ti scarica da qualsiasi colpa, anzi, diventi persino simpatica agli occhi del mondo!

Tutto quello che ti capita, e dico tutto, è frutto delle tue scelte, di come gestisci il tuo quotidiano, di quanto ti impegni affinché le cose vadano in un verso piuttosto che in un altro.

Qualunque cosa ti accada non ha segno, non è né positiva né negativa. Sei tu che decidi la tipologia in base al tuo vissuto, al tuo carattere, alla tua sensibilità, a come sei nel momento in cui accade.

Perché alla fine tutte al mondo vogliamo essere felici, essere soddisfatte della nostra vita, essere pervase da questa emozione strepitosamente calda e avviluppante. E’ questo l’obiettivo, il traguardo più importante che ci prefiggiamo di raggiungere ogni giorno della nostra esistenza.

Ma quando parliamo di felicità, noi consideriamo genericamente tutto quello che ci fa stare bene, e spesso non abbiamo nemmeno l’idea di che cosa si tratti o cosa significhi in pratica. Non solo, ma praticamente sempre facciamo dipendere la nostra felicità dalla fortuna o dalla sorte benevola nel nostro vivere.

La felicità è uno stato, un’incredibile sensazione che ti fa stare bene, ti illumina lo sguardo e ti riempie la vita. Rincorri costantemente questo idillio, ma lo fai senza sapere cosa vuoi veramente, di cosa hai bisogno, e cosa ti serve per essere davvero felice.

E alla lunga, quasi ti rassegni a non esserlo, perché pensi che la vita sia una continua sfiga che si alterna quotidianamente, che nonostante i tuoi sforzi, nulla sembra mai andare per il verso giusto e gratificarti.

Allora la felicità o la tua personale soddisfazione ti sembrano più un sogno, forse addirittura un’utopia. Ne parli come di un qualcosa di irraggiungibile, un mito, ma che a conti fatti non esiste.

 

Ma da dove trai soddisfazione nella vita?

Potresti essere felice:

  • quando sorge il sole;
  • lo svegliarti tardi alla mattina;
  • l’abbracciare la persona amata;
  • mangiare la tua torta preferita;
  • un weekend con le amiche;
  • sorseggiare una cioccolata calda quando fuori nevica;
  • farti un bagno caldo e rilassante;
  • abbandonarti ad una fragorosa risata;

e potrei andare avanti all’infinito.

Il punto non è tanto fare l’elenco delle cose che in teoria ti possono rendere soddisfatta, il punto è essere aperta a godere di quello che ti accade: essere aperta al mondo e alla vita e a tutto quello che di meraviglioso ti dona ogni giorno.

Ti affanni a cercare costantemente la felicità: compri mille oggetti inutili per riempirti la casa, e poi ti disperi che non sai cosa metterti per uscire o che sei sul lastrico; alterni partner senza sapere esattamente quello che potrebbe fare al caso tuo, sperando di incontrare il principe azzurro e che ti prenda e ti renda felice per sempre; ti abbandoni a mille vizi, fumo, alcol, psicofarmaci, cibo, per riempire la tua esistenza che senti vuota e insoddisfacente, ma non sei disposta a fare alcuno sforzo per cambiare le cose e realizzarti come vorresti.

E allora ti giustifichi convincendoti che sei sfortunata, che nonostante il tuo impegno nulla va’ mai per il verso giusto, che sei perseguitata dalla sfiga.

Ma in realtà la felicità ce l’hai a portata di mano, ogni giorno e in una qualunque occasione. Sta a te fermarti, guardarti intorno e cogliere tutto quello che di bello ti circonda.

 

Essere felice dipende da te, non ha niente a che fare con la sfortuna!

Per cui, se proprio vuoi essere felice, se desideri veramente una vita piena e soddisfacente, se davvero vuoi riempirti di questo sentimento e toccare il cielo con un dito:

sii aperta al mondo e alza lo sguardo alla meraviglia che hai a portata di mano;

non aspettare l’occasione magica per essere felice, ma trova spunto ogni giorno da quello che hai già;

le piccole cose sono ciò che ti nutrono di gioia, piccoli gesti, uno sguardo, un fiore, un profumo, sono solo alcune delle magie che possono renderti sempre felice;

credi nella felicità: nonostante la vita ti abbia riservato tanti momenti bui, non permettere che questo ti impedisca di godere della tua esistenza;

anche tu puoi essere pienamente soddisfatta nella vita: anche se ti senti perseguitata dalla sfiga, o non hai nulla di cui essere felice, concentrati su quello (anche poco) che possiedi, i tuoi talenti, i tuoi pregi (impossibile che tu non ne abbia, guardati meglio);

torna bambina e a come ti era facile sentirti felice: per quanto complicata sia ora la tua vita, allora come ora puoi godere di questa emozione e lo puoi fare in un qualunque momento.

Ma soprattutto, non avere paura di essere felice. Perché la felicità non satura, non è indigesta, non si paga, ed è facilmente reperibile. E molto spesso si raggiunge senza sforzi o impegno.

Se pensi alle tue potenzialità, ai tuoi veri talenti, alle tue reali capacità, accontentarti di piccoli e banali traguardi sarà come insultare chi sei veramente. E non parlo di diventare la donna più famosa al mondo, ma di cercare con tutta te stessa di realizzarti per quello che sei davvero in grado di fare. Non è raggiungere la felicità assoluta, ma viverti pienamente in sintonia col tuo essere e con i tuoi sogni.

Se desideri realizzarti davvero, ma tutte le volte rimandi per paura di non farcela, non soltanto ti privi della possibilità di essere davvero felice, ma ti precludi l’occasione di vivere davvero la vita che sogni.

Punta sempre in alto, non limitarti nei tuoi desideri, perché negarti non è altro che il preludio alla tua eterna insoddisfazione.

La tua personale soddisfazione non è un sogno irraggiungibile. E’ piuttosto uno stato, un benessere generale, che ti pervade quando ottieni quello che desideri veramente: ma può raggiungerti solo se sei disponibile a riceverla, se sei abbastanza ricettiva e attenta a goderne ogni volta che fa capolino nella tua vita.

Se punti a realizzare davvero te stessa, secondo la tua vera natura, sarai premiata da una gioia infinita e piena. Un’emozione che sarà in grado di riempirti come non mai e sentirti incredibilmente viva.

Se invece miri a realizzare solo desideri facilmente raggiungibili, magari soddisfazioni che sono più luoghi comuni che tuoi veri traguardi, la felicità che proverai sarà superficiale ed effimera. Passata l’emergenza, sarai di nuovo affamata di gioia e rischierai di restare in un limbo di insoddisfazione, anche per tutta la vita. Accontentarti per stanchezza, comodità o paura, equivale a limitarti nel vivere secondo la tua vera natura, o per quello che tu vuoi davvero diventare.

Puoi essere felice sempre e bearti in questo paradiso continuamente: perché la tua vita ti dona sempre motivo per esserlo. Se non te ne sei ancora accorta, ti esorto a guardare meglio chi sei, a vedere la bellezza che emani, e tutto quello che sei capace di fare e di esprimere.

Non aspettare oltre, e cattura ora la felicità e rendila elemento fondamentale della tua vita! Basta allora credere alla sfiga o a qualsiasi altra congiuntura astrale sfavorevole: piuttosto tirati su le maniche e agisci per avere la vita che vuoi veramente.

Raccontami ora tu che concetto di felicità o di personale soddisfazione hai, e cosa fai per accrescerla ed esaltare la meravigliosa donna che sei. Scrivimi su Facebook o via email a info@angeloffeminine.it, sarò sempre disponibile a risponderti.

UNA COCCOLA SPECIALE

“QUAL E' IL PARTNER GIUSTO PER TE?”

Perché in base al partner che frequenti
o che hai avuto in passato,

esprimi chi sei e come ti consideri.

 

Attraverso un percorso di 4 SETTIMANE,
ti porterò a scoprire qual è il partner più adatto a te,
chi meglio si combina con te in base a chi sei tu ora, e dove puoi trovarlo
.
Vieni a scoprire di cosa si tratta.

Altri articoli che ti possono interessare:

Questo sito web utilizza i COOKIES  per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a navigare ne accetti l'utilizzo: per avere maggiori informazioni puoi consultare la pagina relativa. LEGGI