Noi donne siamo dei veri fenomeni nel caricarci di stress. Non lo facciamo apposta. E’ come se in una parte di noi esistesse un organo preposto per produrre stress in quantità industriale.

Anche quando la vita appare sostanzialmente tranquilla, o non abbiamo pesanti problemi da affrontare, siamo in grado di farci carico di talmente tante preoccupazioni da riempire interi oceani.

Guardando il regno animale, che sicuramente ha tanto da insegnarci, vediamo che il mammifero femmina fa effettivamente tutto nel branco: si occupa della prole, recupera il cibo, cresce i cuccioli, un po’ come una donna, ma è sicuramente meno stressata di noi. Nel regno animale ogni componente ha un ruolo ben preciso, che viene rispettato scrupolosamente, e così facendo non si creano fraintendimenti, scambi di ruoli e confusione.

Nel regno umano invece è un vero caos. Donne che vogliono essere indipendenti e scimmiottano l’atteggiamento maschile, uomini sopraffatti da questo ruolo che perdono la loro virilità, o peggio ancora, uomini arroganti che si impongono con la forza e donne insicure e incapaci di reagire che la subiscono, e così via.

Se da un lato appare che l’uomo abbia fatto sempre il bello e il brutto tempo nel mondo (di fatto e in pratica è stato così, e lo è tuttora), nella realtà la donna ha tutti i numeri per riequilibrare il rapporto con l’uomo se credesse veramente nella donna che è, se rafforzasse la sicurezza che ha in sé stessa, nel suo vero ruolo, se esaltasse la sua femminilità e fosse fiera di essere tale e si comportasse di conseguenza.

La donna ha una grande responsabilità di come sta andando il mondo, perché accettando e subendo un qualsiasi comportamento maschile, di fatto autorizza il maschio a trattarla da essere inferiore e debole.

Pensaci un attimo: quante volte a casa nostra abbiamo assistito a scene in cui  gli uomini erano a tavola e le donne si affaccendavano per servirli e riverirli, o madri che facevano di tutto per i loro figli maschi, o ancora di donne che hanno rinunciato alla carriera per la famiglia, o altre che si sono adattate a lavori meno gratificanti per avere il tempo di occuparsi del partner o dei propri parenti? E potrei continuare con tipologie infinite di situazioni: ovvio che ci sono anche le eccezioni, ma la realtà che si vive oggi (forse da sempre) è più o meno questa.

E quindi, secondo te, quanto rilassante può essere la vita di una donna, sempre a servire e riverire l’uomo, preoccupata a soddisfare le esigenze della società e a farsi accettare da tutti? Una donna in queste condizioni vive malissimo. Il suo livello di preoccupazione e di stress per tutta questa confusione e imposizione non può che essere molto elevato.

Vivi di stress e non te ne rendi conto

Lo stress regna sovrano nelle nostre vite perché ci preoccupiamo molto di cose poco importanti e trascuriamo invece quelle davvero fondamentali.
Siamo talmente tanto prese ad essere sexy, attraenti, piacenti esteticamente, magari per conquistare o tenerci il partner di turno, ma dimentichiamo totalmente la necessità di possedere una sana salute mentale, un equilibrio, una centratura.

Rincorriamo costantemente il nulla, l’aria fritta delle relazioni effimere e ci stanchiamo di prenderci la responsabilità di quelle vere e importanti.
Ci raccontiamo continuamente bugie e ci rifiutiamo di vedere come stanno realmente le cose, ci crogioliamo nel suono delle nostre menzogne per dirci quanto siamo brave ed efficienti, quanto riusciamo a produrre, quanto riusciamo a tenere in piedi casa, lavoro, famiglia, amici, sport, tempo libero, relazioni, ecc.. E poi appena osiamo fermarci e guardare più a fondo nella nostra esistenza e intravediamo il nostro inganno, ignoriamo tutti i segnali e continuiamo a testa bassa a far finta di vivere una vita che non vorremmo mai vivere. Tutto come in un fotoromanzo.

Ci vantiamo dei nostri oggetti, della nostra apparenza, perché solo questo conta per la società e noi ovviamente ci siamo uniformate benissimo.
Poi, guai a darci delle superficiali, delle sempliciotte, guai ad accusarci di trascurare gli affetti, perché in quel caso siamo capaci di dire la balla delle balle: che non conta quanto tempo dedichiamo a noi stesse o a chi vogliamo bene, ma conta la qualità del tempo speso in tal senso. Una simile recita, sostenuta giorno dopo giorno, produce un quantitativo di stress da annientarti!

Ti nutri di bugie e di valori effimeri

Francamente non ci vedo nulla di nobile o fantastico nel vantarti di aver lavorato un milione di ore, lamentarti per la stanchezza, per la mancanza di tempo da dedicare a te stessa o quello che in teoria ti piacerebbe fare. E poi recitare ogni giorno la parte della donna sfinita, che si destreggia a fatica nei suoi mille impegni, sempre di corsa (perché fa figo se sei di corsa, è sinonimo che hai un sacco di cose da fare e sei sempre super impegnata), sempre col cellulare all’orecchio (perché fa figo pure questo, altrimenti significa che nessuno ti fila nemmeno di striscio e sei un nulla), continuamente col fiatone così la recita è più credibile. E dietro a lamentarti che il lavoro ti prosciuga che non hai più la forza di fare altro, che trascuri tutto e ti dimentichi di tutto, e tanti altri inutili bla bla bla. Per non parlare di quando inizia la settimana: ah maledetto lunedì che ti rovina la vita e allora continui a vivere in funzione del venerdì, come se non esistesse altro nella vita, come se tutto il tuo benessere dipendesse dal fantomatico weekend. Ti impegni così tanto ad allontanarti da te stessa che inevitabilmente ti perdi.

Ti conformi per comodità

Come tante belle caprette che vanno tutte nella stessa direzione, fanno le stesse cose, dicono le stesse parole, tutte a seguire la massa perché tanto il cervello se lo sono cotte con lo stress di recitare talmente tante parti e finzioni che ormai non sanno più davvero chi sono.
E poi a buttarsi a capofitto dallo psicanalista, o a fare yoga o meditazione, o a seguire un corso motivazionale che le carichi di una energia effimera, tanto per dire e dirsi che stanno facendo il possibile per cambiare la propria vita e ritrovare loro stesse.

La maggior parte di noi donne ci crede pure in una vita così e non si rende minimamente conto di quanto in realtà sia solo una mera comparsa nella propria esistenza e quanto invece venga costantemente manipolata dalla società maschile che tanto disprezza.
Tante, troppe di noi si fanno letteralmente prosciugare dallo stress di una vita finta, per non ottenere un bel niente di concreto se non una bella apparenza di un’esistenza in linea col resto del mondo.

Allora basta stress, e riprenditi in mano la tua vita. Non è troppo tardi: l’importante è che tu inizi ora e non perda più tempo.

Osa guardarti davvero e prendi consapevolezza di chi sei.

Quante volte sei davvero libera di scegliere?

Se hai voglia di capire quanto la tua vita sia manipolata da altri e quanto invece tu viva pienamente te stessa, ti invito a vedere ogni giorno tutto quello che fai per tua mera scelta e tutto quello che invece compi per volontà altrui. E’ un lavoro duro e complesso che però ha come obiettivo quello di riappropriarti della tua consapevolezza allo scopo di vivere più serenamente e ridurre drasticamente lo stress. Ogni volta chiediti se stai decidendo per te o per accontentare tutti gli altri: e quando scegli fallo consapevolmente. Solo allora inizierai davvero a viverti.

Ti sei mai fermata a vedere che vita stai davvero vivendo?

Ogni giorno ripeti costantemente le solite azioni, come in un film. La sveglia suona perché devi andare a lavorare, perché hai xyz da pagare e devi guadagnare, anche se il lavoro non ti piace. Agisci meccanicamente senza chiederti mai cosa potresti fare per migliorare la tua esistenza. Se una cosa non ti piace, non farla o fanne un’altra Se al momento non hai alternative, perché comunque devi pagare xyz, non lamentarti, godi di quello che vivi e inizia a fare davvero il possibile per cambiare la situazione, ma fallo veramente. E’ che è mille volte più comodo rimanere ferme nella propria situazione e lamentarsi come la classica donna frustrata, piuttosto che farsi il mazzo e reagire e prendere in mano la propria vita, ecco tutta la verità.
E paradossalmente, è mille volte meglio disintegrarti di stress che affrontare le cose come stanno veramente e agire sul serio.

 

E come vivi le tue relazioni?

Spesso ti trovi relazioni insoddisfacenti, o non hai la forza di metterti davvero in gioco, o ti costringi ad una solitudine forzata per paura di soffrire. Ti carichi di uno stress pazzesco, inutile e logorante. Preferisci riempirti di bugie, generalizzando che tutti gli uomini sono uguali e stronzi, disperandoti a più non posso per questo o quel problema, magari tenendoti stretta il partner di turno, accumulando stress a non finire e abbattendoti sempre di più. Insomma costantemente terrorizzata dal rimanere da sola, perché essere sola con te stessa è sinonimo di sfigata, di quella che non se la fila nessuno. Per cui, eccoci di nuovo tutte in fila come brave soldatesse, con i nostri partner/mariti che la società e la famiglia accetta, tutte ad uniformarci a quello che è “giusto” fare. Ma quando pensi di fare qualcosa nella vita che ti piaccia veramente e che ti soddisfi pienamente? Perché la vita non è eterna e scorre via alla velocità della luce.

Sei tu che decidi la qualità della tua esistenza, e per quanto certe scelte di appaiano forzate, in realtà hai sempre la possibilità di optare per quel qualcosa che ti realizzi veramente. Punta su di te, sull’amore per te. E fidati, non è il solito concetto trito e ritrito che ormai echeggia in ogni parte del web, è qualcosa che tutte noi possediamo sin dalla nascita ma non abbiamo allenato sufficientemente durante la vita. E’ quel qualcosa dentro, istinto o percezione che sia, che ti dice cosa ti fa stare bene e cosa no. E’ una sorta di sensore che ti aiuta e ti guida e se lo tieni ben allenato, ti porterà a vivere davvero secondo quello che vuoi tu.

Perché una volta che capisci, che hai la consapevolezza di quello che ti piace e che ti fa sentire a posto e in pace, non ci rinunci più e i compromessi o i cambiamenti che farai per viverti alla grande, ti sembreranno un prezzo più che ridicolo da pagare per stare davvero bene. Alla peggio rischierai di stare alla grande e senza stress!

Ora non hai che da viverti, veramente e per la fantastica donna che sei.

E se questo articolo ti è piaciuto o avresti voluto un differente approfondimento su alcuni aspetti, scrivimi via email su info@angeloffeminine.it o sulla mia pagina Facebook. Per me sarà sempre strepitoso poterti rispondere.

UNA COCCOLA SPECIALE

“QUAL E’ IL PARTNER GIUSTO PER TE?”

 

Attraverso un percorso di forte introspezione, ti porterò
ad individuare il partner più adatto a te e dove puoi trovarlo.
Vieni a scoprire di cosa si tratta.

Altri articoli che ti possono interessare:

AFFRONTA LA SOLITUDINE CON 3 NUOVI APPROCCI

La paura della solitudine è un tema parecchio ricorrente al giorno d’oggi. Tutto va’ alla velocità della luce, ingurgitiamo un tale quantitativo di cose fatte e in così breve tempo che nemmeno ce lo ricordiamo. Tutta la nostra vita è uno scandire costante...

leggi tutto

QUALCHE TRUCCO PER ESPLODERE DI ENERGIA

Non c’è donna più affascinante di colei che irradia energia da tutti i pori, che emana felicità con lo sguardo, che ti contagia con la sua gioia di vivere. Di donne così se ne vedono, non sono molte ma esistono. E si riconoscono perché hanno un’aura...

leggi tutto

Questo sito web utilizza i COOKIES  per assicurarti la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a navigare ne accetti l'utilizzo: per avere maggiori informazioni puoi consultare la pagina relativa. LEGGI